Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filtra la ricerca
Apero Libri
Cine Forum
Danza & Musica
Gastronomia
Incontri
Storie Italiane
Teatro Spettacolo

Cine Forum

Cultura Italia – sans frontières

in collaborazione con il cinema Grütli e con il Festival de Cinéma des 5 Continents

presenta il film:

“Una questione privata”

di Paolo e Vittorio Taviani

Mercoledì 23 maggio 2018, ore 20.30

presso Cinema du Grütli – Ginevra

La ricerca di una poesia all’interno di eventi politici e sociali apparentemente incompatibili è una delle tematiche care ai fratelli Paolo e Vittorio Taviani. Nel loro percorso di riscoperta di un’Italia rurale e nostalgica hanno adattato un romanzo fra i più significativi del filone letterario, scoperto tardi e fecondo, dedicato alla Resistenza. Una questione privata, del “piemontese” Beppe Fenoglio, venne pubblicato solo postumo (e forse incompleto) nel 1963. Nelle sue Langhe, l’autore ha ambientato una storia in cui la furia amorosa e quella ideale si combinano, portando un giovane partigiano quasi alla follia. Luca Marinelli interpreta Milton, innamorato da tempo della bella borghese Fulvia, conosciuta insieme al suo amico Giorgio, amico d’infanzia e compagno partigiano, nella sua elegante casa di campagna sopra Alba, paese natale di Fenoglio. (Mauro Donzelli)

Scheda del film

I membri di Cultura Italia potranno usufruire della tariffa ridotta di 10 CHF presentando questo comunicato alla cassa, anche su smartphone.

Trailer

(Nb. il cineforum del 23 maggio rimpiazza la data precedentemente annunciata del 29 maggio 2018 ! ) 


Giovedì 17 Maggio 2018 ore 20.00
c/o Cinema du Grütli

Evento in collaborazione con l’Associazione no-profit “A Riveder Le Stelle

Proiezione del documentario “Sequestro Moro, sentenza di morte”, a cui farà seguito un dibattito in sala con il regista Franco Fracassi
e con il giornalista del “Corriere della SeraAntonio Ferrari, autore del romanzo “Il segreto”. 

LOCANDINA

SERATA ALDO MORO

In occasione del 40 ° anniversario del rapimento e della morte di Aldo Moro, dedichiamo una serata a quei 55 giorni che hanno cambiato la storia moderna d’Italia. Dal compromesso storico al sacrificio politico, questa tragedia combina le azioni dei Red Bridings, della P2 Lodge, dei servizi segreti americani, dei poteri politici russi …

Tentativi di chiarimento alla presenza dell’autore del film, Franco Fracassi, e lo scrittore Antonio Ferrari che, nel suo romanzo “Il Segreto“, torna a questi eventi.

TRAILER


Cultura Italia – sans frontières
in collaborazione con il cinema Grütli presenta il film:

“I figli della notte” di Andrea De Sica

Martedì 1 Maggio 2018, ore 20.45 

presso Cinema du Grütli – Ginevra

“I figli della notte" Andrea De Sica

“I figli della notte” Andrea De Sica

Con il suo primo lungometraggio, Andrea de Sica, nipote del celebre Vittorio, porta a casa il Nastro d’argento 2017 per migliore regista esordiente.

Un collegio tra le Alpi per formare la futura classe dirigente. Regole ferree, rituali anodini, ma non c’è reale conflitto tra studenti e istituzione: il Sistema governa, anche la trasgressione è pilotata. Orfano di padre, la madre estranea, il 17enne Giulio (Vincenzo Crea) fa fronte al bullismo e all’ipercontrollo di insegnanti ed educatori grazie all’amicizia con il non allineato Edoardo (Federico Pontiggia).

“Un esordio che ha la sua autonomia narrativa e la sua drammaturgia e che non nasconde elementi di autobiografia” (Anna Maria Pasetti)

>> Scheda del film

I membri di Cultura Italia potranno usufruire della tariffa ridotta di 10 CHF presentando questo comunicato alla cassa, anche su smart phone.

 
Vi aspettiamo!


Cultura Italia vi invita alla proiezione di

“DOPO LA GUERRA”
di Annarita Zambrano

(France – 2017 – vost – 92′ )

In presenza della regista

Mercoledì 28 marzo, ore 20h30 presso

LES CINÉMAS DU GRÜTLI 
RUE DU GÉNÉRAL-DUFOUR 16
1204 GENÈVE

Annarita Zambrano

Annarita Zambrano

Annarita Zambrano sceglie un tema ambizioso per il suo film d’esordio presentato a Cannes nella sezione “Un certain regard”.

Reviviscenze e riverberi della lotta armata tra la Francia e l’Italia all’inizio degli anni Duemila. Sceglie un tema ambizioso Annarita Zambrano per il suo esordio Dopo la guerra, presentato a Cannes in Un certain regard. Ma lo sguardo resta in superficie e il racconto appare inerte, biforcato in un lunghissimo surplace.

 

 

 

Synopsis

Bologna, 2002. La legge che depotenzia l’articolo 18 è stata appena approvata ed è difesa davanti ai suoi studenti da un docente universitario che viene ucciso subito dopo. Marco (Giuseppe Battiston), ex-militante comunista, condannato per la lotta armata e rifugiatosi in Francia grazie alla Dottrina Mitterand, è sospettato di aver commesso l’attentato. Decide perciò di darsi alla fuga insieme alla figlia Viola di 16 anni… Ma la determinazione di Marco, che si difende ad ogni costo, trascinerà nel fango la sua famiglia rimasta in Italia..

“Dopo la guerra” è una riflessione sulla colpa, sulla violenza che ritorna, sull’incapacità di guardare se stessi quando il dolore privato si fonde a quello pubblico.

Scheda Del Film

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Trailer

 

I membri di Cultura Italia potranno usufruire della tariffa ridotta di 10 CHF presentando questo comunicato alla cassa, anche su smart phone.