Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filtra la ricerca
Apero Libri
CineForum
Gastronomia
Incontri
Musica
Storie Italiane
Teatro

Apero Libri

Aperò Letterario
16 novembre 2017 ore 19.30 – La Fumisterie 

Presentazione del libro “Il fischio finale” (Gilgamesh Edizioni) di Davide Rubini, in presenza dell’autore. 

Il fischio finale

In questo suo romanzo Davide Rubini ha coltivato l’ambizione di restituire con realismo i rapporti fra due delle attività umane più celebrate, discusse e, in una certa misura, contigue: la politica e il calcio. La politica, intendiamo, nella sua versione più disinvolta e truffaldina, e il calcio cosiddetto “moderno”, ove la passione per il gioco e il rispetto delle norme hanno ormai ceduto il passo a interessi più obliqui, e forse per questo più concreti e remunerativi.

Questo l’impianto generale dell’opera, che prende le mosse da uno spunto non soltanto credibile dal punto di vista narrativo, ma, di fatto, largamente impiegato dalla politica nella odierna Società dello Spettacolo: la tendenza a scegliere come propri candidati alcuni personaggi forniti di sicura notorietà che, pur inesperti nella gestione della cosa pubblica, sono in grado di intercettare i voti degli elettori, cioè di quella stessa sterminata platea che, tramite i mass media, ne segue e ammira i valori sportivi, artistici o puramente estetici.

 

Davide Rubini

Davide Rubini – Torino, 1979. Vive a Londra dove lavora come esperto di regolazione europea del mercato del gas naturale. È il papà di Kaia. In passato ha pubblicato: con Alessandro Fusacchia Niente di personale, Biliki (romanzo), con Alessandro Fusacchia Avvistamento di pesci rossi in Danimarca, Biliki (romanzo), Un dio di polvere, B&V Editori (romanzo), Dicono le cicogne, B&V Editori (romanzo), Parentesi, B&V Editori (racconti). È tra i fondatori di RENA.


Mostra fotografica sull’Immigrazione di Luigi Ottani
& Vernissage il  15 novembre 2017 alla Fumisterie, ore 19.00.

 

Dal libro dell’esodo di Cécile Kyenge, Paolo Rumiz

 

Centinaia e centinaia di fuggitivi – a piedi – forzano il blocco e sfondano la linea di confine greco-macedone. Con filo spinato e granate assordanti la polizia cerca di frenarli. Arrivano dalla Siria, dall’Iraq, dall’Afghanistan e premono per entrare nei Paesi della zona Schengen. Il governo di Skopje usa il pugno duro.

Un fotografo, Luigi Ottani, e una documentarista, Roberta Biagiarelli, volano sul posto per vedere con i propri occhi quel che sta accadendo e raccontano con coraggio questo esodo biblico. Secondo i dati ufficiali, sono quasi sessantamila i migranti arrivati in Macedonia dall’agosto 2015 a oggi.

> Ulteriori Informazioni sul Fotografo Luigi Ottani.

> Ulteriori informazioni sul libro

 

 

 

 

 



Paolo Cognetti ha vinto il Premio Strega 2017!

 

Paolo Cognetti si è aggiudicato il Premio Strega con il libro “Le otto montagne”, dopo aver ottenuto anche il Premio Strega Giovani.
Come molti di voi ricorderanno, Paolo è stato nostro ospite lo scorso aprile, occasione in cui ci ha raccontato i suoi due ultimi libri entrambi ambientati in montagna: il premiato “Le otto montagne” e “Il ragazzo selvatico”.
 

A Paolo Cognetti i complimenti di Cultura Italia!