Cultura Italia – Sans Frontières 
vi invita alla presentazione del libro

“L’avventura di due garibaldini per caso”
di Salvatore Sutera 
(in presenza dell’autore)

Giovedì 1 Novembre 2018, ore 19:30 
presso La Fumisterie – Rue de Noirettes 21, Carouge

L' avventura di due garibaldini per caso

 

“Cosa seguirà a tutto cio’ non sono in grado di dirtelo, penso pero’ che l’Italia non potrà essere piu’ la stessa: migliore o peggiore non saprei, diversa sicuramente”.
“Mah!”.
“Cosa vuoi dire con questo tuo Mah!?”.
“Certo nun è che mi arrichii a fare la Talia”.
“Si dice l’Italia”.
“Talia o Italia, sempre con le tasche vuote sono”.

 

Per uno strano disegno del destino, le vite di Emanuele e di Fefè, uno in fuga, l’altro in cerca di fortuna, subiscono un’improvvisa svolta quando si ritrovano entrambi ad arruolarsi nell’impresa dei Mille. Vivere tra le file dei volontari, giorno dopo giorno, cambierà i destini dei due giovani, catturati nelle maglie della grande Storia, e contribuirà a mutare per sempre la percezione della loro realtà politica e personale. 

“L’avventura di due garibaldini per caso” fonde sapientemente le rocambolesche vicende dei due protagonisti alla narrazione storica dell’avventura garibaldina. 
 
Un libro frizzante, coinvolgente e gradevolissimo, arricchito da una scrittura fluida, dettagliata nei particolari ed eccellente nelle espressioni linguistiche del dialetto siciliano.

Saremo felici di presentarvi le avventure dei due protagonisti Fefè ed Emanuele, attraverso la viva voce dell’autore che fa un gradito ritorno a Ginevra dopo il successo di “Vento di Scirocco“. 

Il libro sarà disponibile per l’acquisto nel corso della serata al prezzo di 17 chf. E’ altrimenti disponibile su Amazon.it o Ibs.it

Vi aspettiamo!


Cultura Italia – Sans Frontières
vi invita all’aperò letterario e alla presentazione del libro

“Il cuore in tasca”

di Michele Tortorici 

(in presenza dell’autore)

Mercoledì 16 Maggio 2018, ore 19:00 

presso MIZZICA – Rue du Pont-Neuf 5, Carouge

 

"Il cuore in tasca" di Michele Tortorici 

La poesia aiuta a vivere, soprattutto quando certi minuti che “devono credersi importanti” “vi arrivano / addosso con brutalità, a passi pesanti, e vi aggrediscono”. Michele Tortorici, poeta colto e letterato di rara raffinatezza, crea versi ironici e discorsivi, che parlano al lettore in maniera diretta, semplice.

Non c’è nulla di ermetico o di sottilmente evocativo in questa poesia che, come sottolineato nella prefazione di Muzzioli, nell’ampio tratto di un verso preferibilmente lungo, mostra affabilità e simpatia verso il lettore. L’autore parte dalle cose, ma per distorcerne la quieta e normale apparenza, per leggerle da una posizione critica, vedendole non come “dati”, ma come punti nodali: nodi che, dice il poeta, “alla mia mente piace sciogliere. Per ogni nodo che riesco a sciogliere / mi sento più libero”.

 

La disponibilità di posti per la serata è per massimo 30 persone. Per confermare la propria partecipazione è necessario scrivere a libri@culturaitalia.ch
 
La formula Apero’ offerta dal locale prevede bevanda e aperitivo a 15 CHF a persona.

Vi aspettiamo!


La Società Dante Alighieri e Cultura Italia sans frontières vi invitano alla presentazione del libro 
Sabato 5 Maggio 2018, ore 11.00.

“L’ARMINUTA”
in presenza dell’autrice Donatella Di Pietrantonio.
Società Dante Alighieri – Rue du Perron 16, 1204 Genève

Donatella Di Pietrantonio

Donatella Di Pietrantonio

Donatella Di Pietrantonio è nata ad Arsita, in provincia di Teramo. Si è poi trasferita per studio a L’Aquila dove, nel 1986, si è laureata in Odontoiatria nella locale Università.

Ha esordito nel 2011 con il romanzo Mia madre è un fiume, ambientato nella terra natale. Nello stesso anno pubblica il racconto Lo sfregio sulla rivista Granta Italia di Rizzoli.

Nel 2013 pubblica il suo secondo romanzo, Bella mia, dedicato e ambientato a L’Aquila.[1] L’opera, influenzata dalla tragedia del terremoto del 2009 e incentrata sul tema della perdita e dell’elaborazione del lutto, è stata candidata al Premio Strega ed ha vinto il Premio Brancati nel 2014.

Nel 2017 pubblica per Einaudi il suo terzo romanzo, L’Arminuta, anch’esso ambientato in Abruzzo; il titolo è un termine dialettale traducibile in «la ritornata». Il libro approfondisce il tema del rapporto madre-figlio nei suoi lati più anomali e patologici.


Cultura Italia – Sans Frontières
vi invita all’aperò letterario
e alla presentazione di

“Donato e i segreti di Giazza” di Simone Fiorio
(in presenza dell’autore)

Mercoledì 25 Aprile 2018, ore 19:00
presso la Fumisterie
(Rue de Noirettes 21, Carouge)

"Donato e i segreti di Giazza" di Simone Fiorio

“Donato e i segreti di Giazza” di Simone Fiorio

 

Arrivato a Giazza, nel Veronese, durante la seconda guerra mondiale per affiancare uno studioso tedesco nelle sue ricerche sulla storia e cultura dei Cimbri, il protagonista diventa un partigiano e assume il nome di Donato. Imboscato sulle montagne della Lessinia con i partigiani del battaglione Ljètzan, le vicende di Donato si dipanano tra realtà storica, leggende e paranormale. Una rievocazione della Resistenza in terra cimbra, pregna di cultura e tradizioni, in cui mito e realtà si rispecchiano l’uno nell’altra, influenzandosi e plasmandosi a vicenda.”
 

La presentazione del libro sarà accompagnata dalla proiezione di immagini relative ai Cimbri e alle vicende narrate.

Il libro potrà essere acquistato nel corso della serata.

Vi aspettiamo!